23 gennaio / Trivelle d’Italia a Cremona

23 gennaio 2015, ore 20:45 / Palazzo Cattaneo, Via Oscasali 3.

Venerdì 23 gennaio 2015, a partire dalle ore 20:45, il Circolo AmbienteScienze Cremona, Acli Cremona, Legambiente Cremona, Salviamo il Paesaggio Casalasco Cremonese Cremasco, Ass. Senegalesi Cremona e Provincia, CreaFuturo Cremona, Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia, Coordinamento No Triv Lombardia, Coordinamento Comitati contro le Autostrade, organizzano la conferenza pubblica dal titolo “Territorio Lombardo: Ricerca e Stoccaggio di Idrocarburi, Sismicità Naturale e Indotta”.

Lo stoccaggio sotterraneo di gas in Lombardia svolge alcune funzioni di utilità pubblica ma ha soprattutto una valenza speculativa per gli investitori, come dimostra il progetto di creare in Pianura Padana un “hub” del gas europeo. Gli impianti in funzione, in costruzione, in fase di autorizzazione e in fase di studio – moltissimi sovradimensionati – dalle Prealpi della Brianza fino all’Adriatico, sono fonte di preoccupazione per associazioni, comitati e cittadini, non rispettano la direttiva Seveso e sono in conflitto con le attività economiche, quali le agroalimentari, basate su un territorio sano, oltre a rappresentare un importante rischio sismico. Tutti gli studi e le esperienze dimostrano chiaramente che l’iniezione nel sottosuolo di fluidi solidi o gassosi ad alta pressione può scatenare terremoti, soprattutto in una zona in cui sono presenti sorgenti sismogeniche naturali, come quelle in cui si trovano gli stoccaggi lombardi.

Se ne discuterà con il giornalista Pietro Dommarco e numerosi rappresentanti delle principali realtà associative operanti in provincia di Cremona ed in Lombardia.

Condividi questo articolo

Commenta questo articolo

Your email address will not be published.