Carpignano Sesia, l’Eni torna alla carica

A distanza di un anno e mezzo dal ritiro del progetto di perforazione del pozzo esplorativo “Carpignano Sesia 1” – inserito nell’ambito del permesso di ricerca “Carisio” – l’Eni torna alla carica in provincia di Novara depositando in Regione Piemonte una nuova richiesta di Valutazione d’impatto ambientale (Via).

Il progetto, protocollato lo scorso 17 dicembre, prevede la perforazione del pozzo esplorativo “Carpignano Sesia 1 DIR”, spostato rispetto alla prima localizzazione di circa 700 metri, verso Fara Novarese. La nuova localizzazione non annulla i rischi ambientali. La vicenda di Carpignano Sesia balzata agli onori della cronaca grazie all’instancabile lavoro quotidiano del locale comitato di cittadini entra nuovamente nel vivo, dimostrando che non bisogna mai abbassare la guardia. L’Eni, dal canto suo, dimostra di voler tentare la strada dello sfruttamento di un territorio che ha altre peculiarità, probabilmente aiutata dall’entrata in vigore della legge Sblocca Italia. Il termine ultimo per presentare le osservazioni scade il 21 febbraio 2015.

Condividi questo articolo

Commenta questo articolo

Your email address will not be published.