Un flash mob contro il fracking

Mercoledì 22 ottobre, alle ore 18.00, lungo Via Alessandrina – strada che corre parallela ai Fori Imperiali, uno dei luoghi simbolo della Capitale – avrà luogo un flash mob a tutela dell’ambiente: un drappo rosso di 400 metri verrà srotolato e portato dagli attori della compagnia – ai quali si uniranno gruppi di attivisti ambientali, studenti e semplici cittadini – a tracciare una simbolica linea rossa contro la ricerca e lo sfruttamento delle risorse energetiche – come il fracking – che non tengono conto dei gravi rischi per l’ambiente. Tutta la città è invitata a partecipare.

La presentazione dello spettacolo Red Forest del Belarus Free Theatre, in programma al Teatro Vascello per Le Vie dei Festival il 21 e il 22 ottobre, dà la possibilità a Le vie del Festival di sostenere la Red Forest Campaign. Una campagna di sensibilizzazione ambientale in opposizione a sistemi pericolosi nella produzione di energia. Sostenitori dell’iniziativa anche la Campagna nazionale No Fracking e l’associazione A Sud.

Che cos’è la Campagna Red Forest del Belarus Free Theatre
Il disastro di Chernobyl nel 1986 ha investito il 90% del territorio bielorusso, colorando di rosso tutte le foreste. La Red Forest Campaign è nata per opporsi alla costruzione di un nuovo impianto nucleare in Bielorussia – a Ostravets – al confine con la Lituania e con l’area dei paesi UE. Molti temono un’altra Chernobyl. Il progetto sta andando avanti senza alcun rispetto dei requisiti di sicurezza internazionali, violando molte norme ambientali in vigore nell’UE, ma è stato deciso ed è sostenuto dal dittatore bielorusso, Alexander Lukashenko, che bolla come “nemici dello stato” tutti coloro che si oppongono alla costruzione del nuovo impianto. Gli esperti internazionali concordano sul fatto che il progetto ha molte lacune e che rappresenta una reale minaccia per le popolazioni che vivono in un raggio di 300 chilometri: la capitale della Lituania, Vilnius, si trova a soli cinquanta chilometri a ovest di Ostravets.

Ecco come il Belarus Free Theatre “spiega” la sua scelta ambientalista:
Oggi le nostre scorte di acqua e di aria sono state prese di mira da produzioni d’energia estreme, gravemente pericolose e inquinanti. Si tratta di azioni devastanti per l’ambiente, compiute in virtù di scelte politiche ed economiche che affrontano soltanto a breve termine la crisi energetica. Il fracking minaccia le nostre provviste d’acqua. In molti paesi la legge potrebbe permettere alle aziende energetiche che utilizzano questo sistema di trivellare anche sotto i terreni privati – perfino nel vostro cortile. L’impianto nucleare di Ostrovets minaccia il futuro dell’aria pulita in tutto il continente. Sta nascendo un’altra Chernobyl. Unitevi a noi nella lotta per un mondo più giusto, alimentato da energia pulita. Le persone preoccupate da scelte energetiche pericolose si sono unite attorno a un simbolo: un cerchio rosso disegnato intorno all’occhio significa che ci batteremo per il futuro”

A proposito del Belarus Free Theatre
Il progetto artistico del Belarus Free Theatre si pone come obiettivo da sempre la vera e propria resistenza teatrale alla violenza del potere nella Bielorussia di oggi. Contro-informazione, dibattito politico messo in scena, teatro-giornale: sono solo alcuni degli ingredienti che connotano l’attività della compagnia, fondata a Minsk nel 2005 dal drammaturgo e giornalista Nicolai Khalezin e da Natalia Kaliada. Il loro impegno politico ha meritato il Premio dei Diritti dell’Uomo della Repubblica Francese, unica istituzione culturale a riceverla, mentre la loro attività guadagnava nel corso degli anni il pieno appoggio di grandi personalità del teatro e della vita pubblica internazionale come Vaclav Havel, Mick Jagger, Arthur Kopit, Mark Ravenhill, Tom Stoppard, Jude Law, Kevin Spacey e il Premio Nobel Harold Pinter.

Per informazioni sulla Compagnia ‘Belarus Free Theatre’:
www.belarusfreetheatre.com

Per maggiori informazioni su ‘Red Forest’ Campaign:
www.belarusfreetheatre.com/productions/redforestcampaign/

Ufficio stampa:
Ostinate e Contrarie. Strategie per la Cultura
www.ostinateecontrarie.it

Condividi questo articolo

Commenta questo articolo

Your email address will not be published.