Fracking della Total in Gran Bretagna

La francese Total è il primo colosso petrolifero a cercare gas di scisto in Gran Bretagna. Il gruppo ha acquisito una quota del 40% in due permessi di esplorazione e di produzione tramite la controversa tecnica detta ‘fracking’ nel bacino di Gainsborough Trough, nel Lincolnshire, nord Inghilterra.

La società britannica IGas realizzerà le prime esplorazioni e Total subentrerà una volta che il progetto sarà in fase avanzata. Sempre oggi il premier britannico David Cameron ha rilanciato sulla ricerca del gas di scisto con il ‘fracking’ promettendo grossi sgravi fiscali ai comuni del Regno Unito che ospiteranno i pozzi di estrazione. Secondo il primo ministro, questo settore ”può offrire più posti di lavoro per la gente e sicurezza economica per il Paese”.

I municipi potranno incassare tutte le tasse che arrivano dallo sfruttamento dei giacimenti e non solo una percentuale del 50% come è previsto oggi. Il governo ha stimato che le amministrazioni locali potrebbero così ricevere fino a 1,7 milioni di sterline l’anno da ogni sito. L’annuncio ha subito sollevato le proteste di Greenpeace, che da tempo critica questa tecnica di estrazione definendola come minaccia per l’ambiente. ”Cameron sta di fatto dicendo ai comuni di ignorare i rischi che corrono i loro cittadini e di prendere il denaro da lui promesso”, ha detto Lawrence Carter di Greenpeace.

Condividi questo articolo

Commenta questo articolo

Your email address will not be published.