Campagna No Fracking / No Fracking Campaign


Campagna No Fracking Italy / Le adesioni / La rete mondiale / Fracking News / Download / Contatta il gruppo di lavoro No Fracking Italy


logo-no-fracking-italy



NO AL FRACKING. DIFENDIAMO ACQUA, ARIA E TERRA!

Il Fracking – meglio conosciuto come fratturazione idraulica – è una delle tecniche di perforazione utilizzata dalle compagnie petrolifere per stimolare i giacimenti di idrocarburi, che – sfruttando l’iniezione di liquidi ad alta pressione – provoca delle fratture negli strati rocciosi più profondi del terreno. Un processo invasivo che favorisce l’estrazione di petrolio dagli scisti bituminosi o di tight gas (gas di sabbie compatte/gas in depositi clastici a bassa permeabilità), coal bed methane (metano dagli strati di carbone) e, principalmente, shale gas (gas di scisto/gas da argille). Sia il tight gas che lo shale gas sono giacimenti di gas non convenzionale costituiti da rocce calcaree, arenarie, quarzo e argilla: quando l’argilla è prevalente si chiama shale, altrimenti è definito tight.

Negli ultimi anni – nonostante le rassicurazioni delle compagnie petrolifere – la produzione di shale gas, soprattutto negli Stati Uniti (principale produttore mondiale), ha aperto un dibattito circa gli effetti del fracking sull’acqua, sull’aria e sulla terra, per l’uomo, per gli animali, per la flora: in una parola per il nostro ambiente, includendo anche il rischio sismico e la contaminazione delle falde causata da una miscela chimica. L’acqua utilizzata per fratturare (quasi 29 mila metri cubi all’anno per ogni singolo pozzo) viene, infatti, addizionata a diverse sostanze pericolose. Si parla di oltre 260 agenti chimici cancerogeni o altamente tossici, tra i quali naftalene, benzene, toluene, xylene, etilbenzene, piombo, diesel, formadeldeide, acido solforico, tiourea, cloruro di benzile, acido nitrilotriacetico, acrilamide, ossido di propilene, ossido di etilene, acetaldeide, di-2-etilesile, ftalati. Senza dimenticare sostanze radioattive come cromo, cobalto, iodio, zirconio, potassio, lanthanio, rubidio, scandio, iridio, krypton, zinco, xenon e manganese. Fino all’80% di questi fluidi iniettati per la fratturazione idraulica ritorna in superficie come acqua di riflusso. Il resto rimane nel sottosuolo.

Da qualche anno il pericolo fracking si è affacciato anche in Europa, in primis Norvegia e Polonia, ai cui giacimenti estraibili – stimati in quasi 400 miliardi di metri cubi – sono interessati Eni e Sorgenia. Oggi, mentre la Francia, la Bulgaria, la Romania, la Repubblica Ceca, l’Austria, la Germania, la Svezia, i Paesi Bassi ed il Regno Unito hanno sospeso lo sfruttamento dei propri giacimenti per motivi ambientali o hanno intensificato il dibattito interno, l’Unione Europea pensa di varare una direttiva che regolamenti il fracking. E in Italia? È un argomento quasi tabù. Manca un dibattito politico, anche se il neo premier Enrico Letta considera lo shale gas il futuro energetico del nostro Paese. Sulla falsa riga delle principali compagnie.

Per questo motivo promuoviamo una campagna nazionale di informazione, conoscenza e proposta, in grado di avviare un percorso critico, che conduca con il contributo ed il coinvolgimento dei territori, dei cittadini, delle associazioni, comitati, movimenti politici, degli attivisti, degli esperti, personalità:

1) Ad una bozza di legge nazionale contro il fracking;
2) Alla richiesta di trasparenza e pubblicazione dei piani ingegneristici delle compagnie petrolifere, oggi secretati;
3) Alla definizione, con legge, delle aree marine e terrestri da tutelare.

Per dire di no al fracking e per difendere l’acqua, l’aria, la terra e la salute, sostenete la nostra campagna “No Fracking Italy”.

Per aderire alla Rete nazionale “No Fracking Italy”, compilare il form sottostante in ogni sua parte.

Nome Associazione / Comitato / Movimento

Nome e Cognome di riferimento

La tua email

Recapiti telefonici

Blog / Sito

Il tuo messaggio

NO TO FRACKING. LET’S PROTECT WATER, AIR AND LAND!

Fracking – also known as hydraulic fracturing – is one of the drilling techniques used by Oil&Gas Companies to stimulate hydrocarbons fields that – making use of high pressure fluids injection – causes fractures in the deepest underground rock layers. It is an invasive process that helps oil extraction from oil shales or of tight gas (sandstones gas), coal bed methane and, above all, shale gas. Both tight and shale gas are unconventional gas fields formed by limestone, sandstone, quartz, and clay: when the clay prevailing, it is called shale; differently it is described as tight one.

In the latest years – despite oil&gas companies reassurances – the shale gas production, especially in the US (world producer leaders), has opened a discussion about fracking effects on water, air, and land, for humankind, animals, flora – in a word: for the environment – also including the seismic risk and the aquifer pollution due to mix of chemicals. The water used to frack (nearly 29 thousand cubic metres per year per every single well) is precisely added to a number of hazardous substances. It is about more than 260 carginogenic or highly toxic chemicals, among which: naphthalene, benzene, toluene, xylene, ethylbenzene, lead, diesel, formaldehyde, sulphuric acid, thiourea, benzyl chloride, nitrilotriacetic acid, acrylamide, propylene oxide, ethylene oxide, acetaldehyde, di-2-ethylhexyil, phthalates. Not to mention radioactive substances, such as: chromium, cobalt, iodine, zirconium, potassium, lanthanum, rubidium, scandium, iridium, krypton, zinc, xenon and manganese. Up to a 80% of those fluids injected for hydraulic fracturing come to the surface as flowing back water. The rest is left underground.

For some years now, the danger of fracking advanced in Europe too, first in Norway and Poland, which exploitable fields – evaluated of nearly 400 billion cubic metres – Eni and Sorgenia are interested in. Today, while France, Bulgaria, Romania, Czech Republic, Austria, Germany, Sewden, Netherlands and UK have suspended their fields exploitation due to environmental reasons, or they have intensified the debate, EU is considering to pass a direction in order to regulate the fracking. And in Italy? This is almost a taboo subject. A political debate is lacking, even though the new Prime Minister Mr Enrico Letta is considering the shale gas as the energy future for our country. Along the lines of the leading companies.

This is the reason why we are initiating an information, knowledge and proposal nationwide campaign capable to start a critical path with the contribution of the territories, people, associations, committees, political organizations, activists, experts, personalities leading to:

1) A draft of a national law against fracking;
2) The claim for transaprency and oil&gas companies engineering plans publication, yet classified;
3) The definition, by a law, of the sea and land areas to protect.

To say no to fracking and to defend water, air, land and health, support our campaign “No Fracking Italy”.

To join the “No Fracking Italy” nationwide network, please fill in the below form blanks.

Association / Commitee / Organization

First and Surname

E-mail address

Telephone Numbers

Blog / Website

Leave Your Message

Promotori