Showing 18 Result(s)

Il deserto demografico in Basilicata inizia dalla Val d’Agri (nonostante il petrolio)

La Basilicata continua a spopolarsi. Neppure il saldo sulla popolazione straniera – che anche a livello nazionale compensa, in parte, gli indici negativi – riporta in positivo il valore. Lo rende noto l’Ires Cgil Basilicata. E proprio in Val d’Agri, la terra dell’oro nero, si registrano le punte più elevate di spopolamento. Al primo gennaio 2015 i residenti in Basilicata sono 576.619. Rispetto al 2014 la popolazione si è ridotta di 1.772 unità: -3 per mille. Nel biennio precedente (2011-2013), invece, la regione mostrava la tendenza demografica peggiore d’Italia e con punte negative nell’area della Val d’Agri. Dove c’è il …

Siderpotenza, trasparenza su inquinamento e responsabilità

Dopo il sequestro dello stabilimento Ferriere Nord, del gruppo Pattini, da parte del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Potenza, l’Organizzazione lucana ambientalista chiede alla Procura di rendere pubblici i dati sull’inquinamento dell’impianto. La Ola (Organizzazione lucana ambientalista) chiede che la Procura della Repubblica di Potenza renda pubblici i dati sull’inquinamento da diossine, furani ed altri contaminanti misurati da perizie di parte, perseguendo nelle sedi opportune eventuali responsabilità. Si stigmatizza, al tempo stesso, il comportamento delle pubbliche istituzioni che – invece di garantire la sicurezza dei lavoratori e la salute dei cittadini – hanno impedito la delocalizzazione delle Ferriere Nord, …

Il latte sul mercato

Dopo 85 anni di attività, il Comune di Salerno mette in vendita le quote di maggioranza della Centrale del Latte. Sul piatto un patrimonio da 14 milioni di euro, cui sono interessate Parmalat e Granarolo. Ma la prospettiva della privatizzazione mette in discussione le certezze dei lavoratori. A rischio le sorti di 800 famiglie. È stato un 1° Maggio di preoccupazione per i 51 lavoratori della Centrale del Latte di Salerno, in odore di privatizzazione. Infatti, intorno alla storica municipalizzata -fondata nel 1928- le voci relative ad una imminente cessione, trapelate negli ultimi mesi, si fanno sempre più insistenti. A …

Reggio Calabria non vuole la centrale a carbone

Tre calabresi su cinque sono contrari alla realizzazione dell’impianto di “Saline Joniche”. È il risultato di un sondaggio commissionato all’Ispo dalla sezione svizzera del Wwf. È elvetica, infatti, l’impresa che intende sviluppare il progetto, che si chiama Repower. Il 61% dei cittadini calabresi è contrario alla realizzazione della centrale termoelettrica a carbone di località “Saline Joniche”, ricadente nel comune di Montebello Jonico. A renderlo noto è il Wwf Svizzera, committente di uno specifico sondaggio stilato dall’istituto di ricerca Ispo. Gli intervistati -tutti residenti nel reggino- pensano, nel 65% dei casi, che il progetto porterà danni a salute e ambiente, arrecando …

La fabbrica di benzina

È questo il titolo del documentario che verrà proiettato giovedì 16 febbraio, alle 20:30, al cinema Chaplin di Cremona. Un film d’inchiesta autoprodotto -curato dal filmmaker Stefano Conca Bonizzoni e dal giornalista Daniele Ferro- sulla raffineria Tamoil ubicata nell’area industriale cremonese, ad un paio di chilometri in linea d’aria dal centro storico. Sullo sfondo l’intensa lotta che i 500 lavoratori dell’impianto di raffinazione e dell’indotto stanno portando avanti da oltre un anno, in difesa del loro posto di lavoro. Licenziamenti e dignità calpestate annunciati in poche righe, quelle di un comunicato che alla fine del 2010 la Tamoil Raffinazione spa …

Arriva il Fondo vittime dell’amianto

Dopo oltre tre anni di lotte dei lavoratori, dei comitati e delle associazioni delle vittime dell’amianto è stato pubblicato il Decreto emanato lo scorso 13 gennaio 2001 dai ministeri del Lavoro e dell’Economia, riportante le norme che regolano la legge istitutiva del Fondo per le Vittime dell’Amianto. La legge istitutiva (la n.244 del 24 dicembre 2007 – Gazzetta Ufficiale n.300 del 28 dicembre 2007) stabilisce che “il finanziamento del Fondo è a carico, per un quarto delle imprese e per tre quarti del bilancio dello Stato”, con un onere pubblico pari a 30milioni di euro per gli anni 2008 e …

Attacco all’Appennino

Da Nord a Sud, un mega gasdotto. Il mega gasdotto “Rete Adriatica”, progettato dalla Snam, attraverserà 10 regioni dello Stivale, tre parchi nazionali, uno regionale e 21 aree protette dalla Ue. Ma ambientalisti e cittadini vogliono fermarlo. Una lunghezza complessiva di 678 chilometri da Massafra (Ta) a Minerbio (Bo), cinque grandi tronconi (Massafra-Biccari; Biccari-Campochiaro; centrale di compressione Sulmona; Sulmona-Foligno; Foligno-Sestino; Sestino-Minerbio), 10 regioni coinvolte (Puglia, Basilicata, Campania, Molise, Abruzzo, Lazio, Umbria, Marche, Toscana, Emilia-Romagna), 3 parchi nazionali (Maiella, Monti Sibillini, Gran Sasso), un parco regionale e 21 aree interessate tra S.I.C. (Siti d’Importanza Comunitaria) e Z.P.S. (Zone di Protezione Speciale). …

Pertusillo, diga invasa dal petrolio

Denuncia. Nelle acque dell’invaso del Pertusillo, in Basilicata, è comparsa l’alga rossa. Un segnale, secondo i tecnici, dell’inquinamento di tutto il bacino. Chi ha indagato sul caso, però, è stato sospeso dalle sue funzioni. Con una capacità di 155milioni di metri cubi d’acqua, una potenzialità produttiva di 4500 litri al secondo, un’altezza di 100 metri ed una produzione di acqua potabile di 113.934.791 metri cubi, la Diga del Pertusillo – ubicata in agro di Missanello, sul fiume Agri – è l’invaso lucano che destina il 65% delle sue acque alla vicina Puglia, per usi irrigui e potabili. Un lago artificiale …

Così si muore nella terra di nessuno

Inchiesta sull’incremento e l’incidenza dei tumori in Basilicata, in un contesto nazionale che vede l’insorgere e l’aumentare di altri “mali”, come il mesotelioma pleurico, amara eredità di una industrializzazione fallita e di “storie di amianto”. Nicola è originario di Bari, porta il nome “del Santo che perse i genitori per la peste”, ha 56 anni, un figlio, una moglie preoccupata e un mesotelioma pleurico. Fino all’età di 47 anni ha vissuto nel quartiere Japigia, uno dei più popolati di Bari, che insieme a quelli di San Pasquale e Madonnella ospita dal 1935 lo stabilimento locale della Fibronit, azienda specializzata nella …

Sud e politica, ancora effimere e costose chimere

Un milione di euro, di cui una metà provenienti dai Fondi del Programma Operativo Regionale del sestennio 2000-2006 sotto le voci “cultura” e “promozione turistica” e l’altra metà erogati come Fondi Aree Sottoutilizzate, ai quali andrebbero aggiunti parte dei 5 milioni dei FAS 2007-2013. È questo il denaro speso per “Arte Pollino”, un oneroso progetto fortemente voluto da Regione Basilicata e finanziato dall’Unione Europea. Opere di vari artisti di fama internazionale – condivisibili o meno dal punto di vista estetico e simbolico – realizzate, ed in fase di realizzazione, sul Parco Nazionale del Pollino, una delle aree protette più belle …