Showing 33 Result(s)

Tempa Rossa e il monitoraggio che non c’è

Il centro olio Total di Corleto Perticara, in provincia di Potenza, sta sorgendo in assenza di un piano di monitoraggio ambientale. Siamo nella valle del Sauro, ma sembra di vivere nel Far West. Non solo perché, per realizzarlo, è stato mutato il paesaggio e spianata una montagna. Quello di Tempa Rossa è un progetto petrolifero che risale agli anni Novanta, quando la multinazionale francese incassa le autorizzazioni necessarie per l’esplorazione e la perforazione del pozzo “Tempa Rossa 002”. Nel 1999, invece, prende forma l’attuale concessione di coltivazione “Gorgoglione”, il cui titolare principale è l’Eni divisione Agip. Nel 2001 il Comitato …

Oilgate, lo scandalo petrolio

Ci sono il Centro Olio di Viggiano -di Eni- e il progetto Tempa Rossa – di Total -, entrambi in Basilicata, nei due filoni dell’inchiesta coordinata dalla Direzione nazionale antimafia e dalla Procura di Potenza che ha portato il 31 marzo all’arresto di 7 persone e alle dimissioni del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi. Sessanta, in tutto, gli indagati. Tra le ipotesi, anche quella di disastro ambientale. Sessanta indagati, sette arresti, un divieto di dimora, impianti petroliferi e di smaltimento rifiuti sequestrati, sospesa la produzione di idrocarburi. Sono questi i numeri e gli avvenimenti della maxinchiesta coordinata dalla Direzione …

Sblocca Italia: 95 Comuni lucani a rischio trivelle

Il totale complessivo della superficie assoggettata a titoli minerari vigenti o in attesa di approvazione è di 7.322,65 chilometri quadrati, e rappresenta oltre il 78% della superficie regionale. Con la conversione in legge del decreto promosso dal governo a fine agosto, l’iter autorizzativo “passa” dalla Regione al ministero dell’Ambiente. La prima (e i cittadini lucani) non avranno più voce in capitolo. L’analisi di Pietro Dommarco, autore del capitolo “energetico” del libro “Rottama Italia”. La legge Sblocca Italia apre scenari inquietanti per il territorio della Basilicata, a breve e medio termine. Si prospetta, infatti, una vera e propria “petrolizzazione” per gran …

Reportage dal paradiso dei petrolieri

“La vocazione del custodire non riguarda solamente noi cristiani, ha una dimensione che precede e che è semplicemente umana, riguarda tutti. È il custodire l’intero Creato, la bellezza del Creato, come ci viene detto nel Libro della Genesi e come ci ha mostrato san Francesco d’Assisi: è l’avere rispetto per ogni creatura di Dio e per l’ambiente in cui viviamo”. Papa Francesco – a marzo 2013 – nel pronunciare queste parole nel corso dell’Omelia per l’inizio del ministero petrino, ha aperto una lunga riflessione sull’ambiente e tracciato la strada di una enciclica “verde”, di imminente uscita. Un pensiero forte, che …

Stoccaggi, che fine ha fatto il rischio industriale?

La “direttiva Seveso” impone di tenere sotto controllo alcuni impianti industriali considerando i pericoli causati da eventuali incidenti rilevanti. Da fine 2009, dovrebbe essere applicata anche agli impianti utilizzati per immagazzinare gas naturale: nessuna istruttoria è però terminata. Mancano i Piani di emergenza esterna e l’Italia non rispetta la legge comunitaria. L’articolo 38 della legge “Sblocca-Italia”, la n.164 dell’11 novembre 2014, conferisce ai progetti di stoccaggio sotterraneo di gas naturale presenti nel nostro Paese – così come alle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi – “carattere di interesse strategico […] pubblica utilità, urgenti e indifferibili”. Lo fa al …

Rivolta degli enti locali contro l’assist ai petrolieri

Nello Sblocca Italia c’è un grosso assist per le compagnie petrolifere che operano in Basilicata, che richiedono carta bianca per poter raddoppiare le estrazioni. Si toglie potere alle comunità locali per aiutare i petrolieri su diversi fronti, dai procedimenti autorizzativi alla delicata questione della gestione delle acque di strato. E gli enti locali insorgono. Craco è un paese di 766 abitanti, in provincia di Matera. Conosciuto come il borgo fantasma dei Calanchi lucani – in cui nel 1979 Francesco Rosi e Gian Maria Volonté fecero rivivere Carlo Levi nel suo “Cristo si è fermato a Eboli”. Da qualche giorno è …

Lo ‘Sblocca Trivelle’ di Matteo Renzi

Lo “Sblocca Italia” considera di pubblica utilità, urgenti e indifferibili per decreto tutti gli interventi per ricerca di petrolio e metano, e per la rigassificazione e lo stoccaggio e il trasporto del gas. Il presidente del Consiglio l’aveva promessa ai “comitatini” ed è stato di parola: le maglie della valutazione d’impatto ambientale sono “allentate”. Dubbi, però, sulla costituzionalità della norme. Analisi giornalistica, con un’intervista a Enzo Di Salvatore, professore di Diritto costituzionale a Teramo. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (la n.212/2014) del decreto legge n.133 del 12 settembre 2014 -meglio conosciuto come “Sblocca Italia”- il governo italiano ha deciso …

Il gas non ci serve più

I consumi scendono, e il quadro tracciato dalla “Strategia energetica nazionale” è irrealistico. Nel 2013 meno di 70 miliardi di metri cubi, peggio del 2002. Eppure, venerdì 29 agosto il presidente del Consiglio ha annunciato un provvedimento “Sblocca energia”, che riconosce la natura strategica delle infrastrutture di importazione, trasformazione e stoccaggio. Compreso il contestato Trans Adriatic Pipeline (TAP) che ha appena incassato l’ok della Commissione VIA, contro il quale il comitato “No Tap” annuncia ricorso al TAR. Chi arriva d’estate in località Capobianco di Brindisi, punta direttamente verso il mare. Da una parte trova il porto, ben visibile, dall’altra un’enorme …

Sei in carcere per una bonifica a Pioltello

Dopo tre anni d’indagine, Procura e Dda di Milano contestano reati che vanno dalla truffa allo smaltimento illecito di rifiuti. Tra i fermati anche il capo della Segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente e il presidente della società incaricata della bonifica. Dopo quasi 3 anni di indagini, il 22 gennaio 2014 si è conclusa con 6 arresti l’inchiesta sulla bonifica dell’area ex-Sisas di Pioltello-Rodano, condotta dal Nucleo operativo ecologico di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano e dalla Dda del capoluogo lombardo. I reati contestati vanno dalla corruzione alla truffa, dal traffico allo smaltimento illecito di rifiuti, per …

L’Europa detta le regole per lo shale gas

La nuova direttiva sulla valutazione d’impatto ambientale votata ieri a Bruxelles evidenzia che il Parlamento europeo è possibilista rispetto all’esplorazione e allo sfruttamento di gas non convenzionali, che sfruttano l’invasiva tecnica della “fratturazione idraulica”. Ma in tutta l’Ue i gruppi “No Fracking” spingono per una definitiva messa al bando della pratica, come ha già fatto la Francia nel 2011. L’approvazione degli emendamenti 31 e 79 sull’estrazione di shale gas e sullo sviluppo dei programmi esplorativi di idrocarburi non convenzionali in Europa -nell’ambito della modifica della Direttiva 2011/92/UE sulla Valutazione d’impatto ambientale (Via)– ci restituisce un Parlamento europeo possibilista sull’esplorazione e …