Rivolta degli enti locali contro l’assist ai petrolieri

Nello Sblocca Italia c’è un grosso assist per le compagnie petrolifere che operano in Basilicata, che richiedono carta bianca per poter raddoppiare le estrazioni. Si toglie potere alle comunità locali per aiutare i petrolieri su diversi fronti, dai procedimenti autorizzativi alla delicata questione della gestione delle acque di strato. E gli enti locali insorgono. Craco è un paese di 766 abitanti, in provincia di Matera. Conosciuto come il borgo fantasma

Lo ‘Sblocca Trivelle’ di Matteo Renzi

Lo “Sblocca Italia” considera di pubblica utilità, urgenti e indifferibili per decreto tutti gli interventi per ricerca di petrolio e metano, e per la rigassificazione e lo stoccaggio e il trasporto del gas. Il presidente del Consiglio l’aveva promessa ai “comitatini” ed è stato di parola: le maglie della valutazione d’impatto ambientale sono “allentate”. Dubbi, però, sulla costituzionalità della norme. Analisi giornalistica, con un’intervista a Enzo Di Salvatore, professore di

Il gas non ci serve più

I consumi scendono, e il quadro tracciato dalla “Strategia energetica nazionale” è irrealistico. Nel 2013 meno di 70 miliardi di metri cubi, peggio del 2002. Eppure, venerdì 29 agosto il presidente del Consiglio ha annunciato un provvedimento “Sblocca energia”, che riconosce la natura strategica delle infrastrutture di importazione, trasformazione e stoccaggio. Compreso il contestato Trans Adriatic Pipeline (TAP) che ha appena incassato l’ok della Commissione VIA, contro il quale il

Sei in carcere per una bonifica a Pioltello

Dopo tre anni d’indagine, Procura e Dda di Milano contestano reati che vanno dalla truffa allo smaltimento illecito di rifiuti. Tra i fermati anche il capo della Segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente e il presidente della società incaricata della bonifica. Dopo quasi 3 anni di indagini, il 22 gennaio 2014 si è conclusa con 6 arresti l’inchiesta sulla bonifica dell’area ex-Sisas di Pioltello-Rodano, condotta dal Nucleo operativo ecologico di Milano

L’Europa detta le regole per lo shale gas

La nuova direttiva sulla valutazione d’impatto ambientale votata ieri a Bruxelles evidenzia che il Parlamento europeo è possibilista rispetto all’esplorazione e allo sfruttamento di gas non convenzionali, che sfruttano l’invasiva tecnica della “fratturazione idraulica”. Ma in tutta l’Ue i gruppi “No Fracking” spingono per una definitiva messa al bando della pratica, come ha già fatto la Francia nel 2011. L’approvazione degli emendamenti 31 e 79 sull’estrazione di shale gas e