Showing 53 Result(s)

Il potere sostitutivo

Sulla Gazzetta ufficiale n.252 del 27 ottobre 2016 è stato pubblicato il decreto del presidente della Repubblica n.194 del 12 settembre 2016, recante “norme per la semplificazione e l’accelerazione dei procedimenti amministrativi, a norma dell’articolo 4 della legge 7 agosto 2015, n.124”. Meglio conosciuta come “legge Madia” sulla Pubblica Amministrazione, che interviene su diversi aspetti di interesse per gli Enti locali. Una legge molto contestata. E proprio in questo decreto attuativo – a regolamento dell’articolo 4 – potrebbe nascondersi l’ennesimo colpo di mano dell’Esecutivo in materia di competenze incrociate tra Stato e Regioni. L’intento è chiarissimo fin dalle prime battute: …

Ammaraggio

In men che non si dica, il fallimento del referendum del 17 aprile – sulla durata di vita utile dei giacimenti a mare per le attività petrolifere – ha innescato i primi effetti e le prime autorizzazioni. Infatti – mentre è in atto una vera e propria guerra politico-mediatica sull’altro referendum, quello costituzionale del 4 dicembre – il ministero dell’Ambiente ha rilasciato alle società Schlumberger LTD e Global Med LLC tutti i permessi a sondare, con l’invasiva tecnica dell’air-gun, il sottofondo marino nell’arco jonico calabrese, lucano e pugliese. La prima, infatti, avvierà prospezioni petrolifere in una buona fetta del golfo …

Referendum No Triv, perché è importante il voto del 17 aprile

Il capo dello Stato ha firmato il decreto che fissa definitivamente il referendum sulle trivellazioni a mare, entro le 12 miglia, il prossimo 17 aprile. È saltato, quindi, l’election day. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ufficialmente firmato il decreto che conferma il referendum sulle attività petrolifere a mare – entro le 12 miglia dalla costa – per i titoli abilitativi già rilasciati, “per tutta la durata di vita utile del giacimento”. I cittadini, pertanto, saranno chiamati ad esprimersi il 17 aprile. Due mesi esatti, da oggi. Dal Quirinale fanno sapere che la firma apposta dal capo dello Stato …

Trivelle in mare, scoppia il caos autorizzativo?

Perforare in barba al divieto delle 12 miglia marine? C’è chi ci prova mettendo in contraddizione i decreti Prestigiacomo e “Sviluppo”. Ecco un caso recente. Il 28 gennaio la società Apennine energy spa ha richiesto al ministero dell’Ambiente l’avvio della procedura di Valutazione d’impatto ambientale (Via) finalizzata alla perforazione di un pozzo esplorativo nel Comune di Cassano allo Ionio, in provincia di Cosenza. Fin qui tutto normale, se non fosse che la trivellazione del pozzo partirebbe dalla terraferma andando a “pescare” in un ipotetico giacimento localizzato nel mar Ionio. Di fronte Sibari. La storia di questo progetto è particolare. Potrebbe …

Trivelle, attivarle non porterebbe benefici energetici

Gli unici giacimenti di una qualche rilevanza nel nostro territorio si trovano nell’Alto Adriatico. Ma le compagnie insistono, incoraggiate da un regime di royalties favorevole. A fine dicembre dello scorso anno, Assorinnovabili ha tracciato un bilancio tra i costi e i benefici delle energie rinnovabili. Che merita di essere tenuto a mente. Partendo da un assunto: “Il costo dell’energia rinnovabile è già più basso del costo dell’energia prodotta con combustibili fossili se, come correttamente si dovrebbe, si considerassero anche le esternalità negative […]”. Per esternalità negative l’Associazione italiana dei produttori, dell’industria e dei servizi per le energie rinnovabili intende i …

Come e perché siamo arrivati a un referendum sulle trivellazioni

La ricerca di idrocarburi nel nostro Paese non ha mai destato particolare interesse. A memoria, gli argomenti ciclici più gettonati sono sempre stati le crisi invernali del gas, il calo del costo del barile, l’aumento dei carburanti e l’aggiunta graduale delle accise sulla benzina. Negli ultimi 15 anni se n’è parlato talmente poco, e spesso male, tanto da renderlo un tema improponibile per un referendum. Invece, la centralità acquisita dalle vicende gassifere e petrolifere nel dibattito nazionale – ma soprattutto nell’agenda politica degli ultimi governi – ha rappresentato un punto di svolta. Nella storia della Repubblica italiana un referendum sulle …

Le trivelle in mare si affondano con il referendum

L’obiettivo è fermare le trivellazioni off-shore per la ricerca di idrocarburi sulle coste italiane. Per questo è stata avanzata la proposta di abrogazione, tramite referendum, di una parte dell’articolo 35 del “decreto Sviluppo” coinvolgendo almeno cinque Regioni che però continuano a temporeggiare trattando con il Ministero dello Sviluppo economico. Fermare le trivelle off-shore si può. O quanto meno far decidere i cittadini sul futuro dei nostri mari. La pensano così 141 associazioni – e quasi 90 tra artisti, scrittori, docenti, costituzionalisti e giornalisti – che, da Nord a Sud, hanno sottoscritto la proposta di abrogazione di una parte dell’articolo 35 …

Politica, trivelle in Basilicata e royalties: il pensiero critico del Presidente FederPetroli

Un’intervista per molti versi sorprendente a Michele Marsiglia, presidente FederPetroli Italia, con un ruolo importante su ricerca ed estrazione di idrocarburi nazionali. Marsiglia spiega perché si sbaglia a non dialogare con le comunità locali, che l’eccesso di trivelle in Basilicata va imputato alle aziende, ma anche a chi le ha autorizzate e perché non c’è stato sviluppo locale alla luce delle risorse estratte. In pochi sanno che da Padova partono molte delle azioni di lobbying in materia di energia, ricerca ed estrazioni di idrocarburi in Italia. Nel capoluogo veneto, infatti, ha sede FederPetroli Italia, la Federazione internazionale del settore petrolifero. …

La Basilicata verso la social card petrolifera

Il 19 marzo 2015 il sottosegretario allo Sviluppo economico, Simona Vicari, e il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, hanno firmato un accordo destinato a regolamentare il trasferimento e l’ambito di spesa di nuove risorse economiche derivanti dal “Fondo 3% delle royalties”, legato alle attività estrattive. Un accordo per zittire gli scettici e cercare di raddrizzare l’immagine nera della Basilicata rappresentata e denunciata da inchieste giornalistiche e programmi televisivi. Questo è quello che si sono detti Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo economico, e Marcello Pittella, governatore lucano al momento della sottoscrizione di una nuova intesa tra Regione Basilicata e Ministero. …

Il Rottama Italia è in libreria

“Un Paese che sappia distinguere tra cemento e futuro. E scelga il futuro”. Questo il grido di dolore e di speranza che 30 tra intellettuali, scrittori, giuristi e vignettisti lanciano dalle pagine di “Rottama Italia”, appena pubblicato per i tipi di Altreconomia edizioni. Rottama Italia è l’edizione aggiornata del pamphlet che nel mese di ottobre 2014 riuscì ad aprire il dibattito politico intorno allo “Sblocca-Italia”, prima della conversione in legge del decreto. Con la penna di alcuni tra i maggiori intellettuali italiani o con le matite dei più graffianti tra i nostri vignettisti, questo libro ricorda infatti che lo sviluppo …