Showing 44 Result(s)

Reflui petroliferi della Val d’Agri smaltiti in Val Basento. È allarme radioattività

Ancora paura in Val Basento in merito alle operazioni di smaltimento dei rifiuti petroliferi prodotti in Val d’Agri dall’Eni e portati a smaltimento finale presso l’impianto Tecnoparco. Il sindaco di Pisticci, Vito Di Trani, si dice preoccupato “per la salute dei cittadini e della situazione ambientale”, confermando che “i rilievi radiometrici effettuati dall’Arpab e le analisi di campioni di acqua di deiezione provenienti dal COV di Viggiano hanno rilevato una concentrazione alfa totale pari a nove volte superiori.” Una vicenda che merita approfondimenti. “Concentrazioni di radionuclidi nove volte superiore alla quantità presente nell’acqua potabile”, rispetto il limite fissato dall’Unione europea. …

Subito l’Anagrafe dei siti da bonificare

“La versa rivoluzione passa attraverso la cruna d’ago del rispetto dello Stato di diritto”. Con queste parole il segretario dei Radicali lucani, Maurizio Bolognetti – in sciopero della fame dal 15 ottobre – apre la sua lettera al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, al fine di sollecitare l’istituzione dell’Anagrafe dei siti da bonificare. Mi piacerebbe che il descamisados Marcello Pittella, che ho intravisto commosso ed esaltato in piazza a Matera, riuscisse a provare un’analoga emozione – non dico commozione – per le questioni attinenti il diritto dei cittadini a poter conoscere per deliberare. Caro Presidente, perché non provi ad …

Val Basento, fallimento Mythen e ombre sulla bonifica

La Regione Basilicata – con delibera di Giunta n.925 del 21 luglio 2014 – ha revocato i finanziamenti concessi alla Mythen spa, nell’ambito del “Contratto di Sviluppo Industriale e Reinsediamento delle Industrie in Val Basento” per un importo di 728.664 euro, relativo alla prima tranche di una somma complessiva di 2.428.880 euro. La decisione avviene dopo diversi mesi dal fallimento della società di proprietà della famiglia Falciola. Quella dei Falciola è una storia controversa che, dopo la chiusura definitiva della ex-Sisas di Pioltello, in provincia di Milano – avvenuta il 28 aprile 2001 – decidono di cambiare aria e scelgono …

Nel paese più piccolo della Basilicata c’è la discarica di rifiuti petroliferi più grande d’Europa

Ad autorizzarla, in territorio di Guardia Perticara, è stata la Giunta regionale con una deliberazione emanata nell’ultima settimana di maggio. Il progetto prevede l’ampliamento di una discarica già esistente, portando la capacità complessiva di smaltimento a mezzo milione di metri cubi di rifiuti speciali, su 25 ettari. Dopo il giacimento di greggio in terraferma più grande d’Europa, la Basilicata avrà presto anche la discarica di rifiuti petroliferi più grande d’Europa. Un binomio scontato, per una terra che sta andando incontro al raddoppio delle estrazioni. A denunciarlo è l’Organizzazione lucana ambientalista. “La Giunta regionale della Basilicata – si legge nella nota …

Pianteremo croci per dire basta ai disastri dell’inceneritore Fenice di Melfi

Sabato 12 aprile, a partire dalle ore 17:00, davanti ai cancelli dell’inceneritore Fenice-EDF di San Nicola di Melfi – simbolo del disastro ambientale e politico in atto in Basilicata – i comitati locali, le associazioni e l’intera comunità manifesteranno il loro dissenso e la loro preoccupazione piantando decine di croci bianche nel terreno antistante l’impianto, a ricordo delle tante inconsapevoli vittime dell’inquinamento ambientale della nostra terra. Il Comitato Diritto alla Salute, il Comitato Intercomunale Lucania, il Comitato “La nostra terra non si tocca”, l’Associazione Futura, l’Associazione Punto Zero, la sezione di Italia Nostra del Vulture Melfese ed il Centro di …

Sei in carcere per una bonifica a Pioltello

Dopo tre anni d’indagine, Procura e Dda di Milano contestano reati che vanno dalla truffa allo smaltimento illecito di rifiuti. Tra i fermati anche il capo della Segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente e il presidente della società incaricata della bonifica. Dopo quasi 3 anni di indagini, il 22 gennaio 2014 si è conclusa con 6 arresti l’inchiesta sulla bonifica dell’area ex-Sisas di Pioltello-Rodano, condotta dal Nucleo operativo ecologico di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano e dalla Dda del capoluogo lombardo. I reati contestati vanno dalla corruzione alla truffa, dal traffico allo smaltimento illecito di rifiuti, per …

Rifiuti tossici nei pozzi dismessi, Schiavone tira in ballo il Molise

A seguito della desecretazione dell’audizione del pentito di camorra Carmine Schiavone del 7 ottobre 1997, sull’interramento e lo smaltimento illegale di rifiuti tossici, trema anche il Molise. Il sospetto ricade in alcune vecchi pozzi di idrocarburi perforati a Cercemaggiore, in una concessione della Montedison. La III Commissione consiliare permanente del Molise – nel corso della seduta monotematica tenutasi ieri (14 novembre 2013) nella sede della Giunta regionale di Palazzo Santoro, a Campobasso – ha lanciato un preoccupante allarme relativo all’interramento illegale di rifiuti tossici in diverse zone molisane. A far scattare l’allerta sono state le dichiarazioni del pentito Carmine Schiavone …

Torna la rifiuti connection lucana

Smaltimento illegale di rifiuti speciali: arrestati gestori di alcune discariche lucane. Hanno percepito 4,5 milioni di euro in poco più di un anno – tra il 2010 e il 2011 – dagli Enti locali per smaltire i rifiuti solidi urbani e trasferirli negli impianti della Basilicata, senza però trattarli prima del conferimento. Questa mattina il Giudice per le Indagini Preliminari di Potenza, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, ha richiesto l’arresto di cinque persone, con l’accusa di associazione per delinquere e traffico illecito di rifiuti. In carcere, come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, sono finiti Giovanni Agoglia di Savoia di …

I rifiuti di Pescantina

In provincia di Verona c’è una montagna di rifiuti speciali destinata a crescere di 1,9 milioni di metri cubi. È il rischio che incombe sull’area nei pressi della stazione, affidata a Daneco. Intanto, l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici richiede chiarimenti sui rapporti tra l’impresa e l’amministrazione comunale. Pescantina, in provincia di Verona, è un paese di poco più di 16mila abitanti. Un territorio piatto. Una pianura sviluppata prevalentemente ad agricoltura che ha prodotto e produce il famoso vino della Valpolicella. Il fiume Adige a lambirne i confini e nessuna collina nei dintorni. Ad eccezione di una discarica comunale per …

Un fiume prezioso in Basilicata

In val Basento, area industriale in provincia di Matera, stabilimenti operano ancora sulle aree inquinate. E una società produce biodiesel a ridosso delle acque. Mentre non c’è accordo tra Comune e Provincia. La Val Basento è un’area industriale in provincia di Matera, dichiarata Sito d’interesse nazionale dal ministero dell’Ambiente nel 2003 e ancora in attesa di bonifica. L’intervento necessario per l’area è stimato in oltre 51 milioni di euro: tutto è fermo da 9 anni. A non fermarsi, invece, è l’arrivo di nuovi stabilimenti che operano su aree inquinate. È il caso della Mythen spa, azienda specializzata nella produzione di …