Sei in carcere per una bonifica a Pioltello

Dopo tre anni d’indagine, Procura e Dda di Milano contestano reati che vanno dalla truffa allo smaltimento illecito di rifiuti. Tra i fermati anche il capo della Segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente e il presidente della società incaricata della bonifica. Dopo quasi 3 anni di indagini, il 22 gennaio 2014 si è conclusa con 6 arresti l’inchiesta sulla bonifica dell’area ex-Sisas di Pioltello-Rodano, condotta dal Nucleo operativo ecologico di Milano

Rifiuti tossici nei pozzi dismessi, Schiavone tira in ballo il Molise

A seguito della desecretazione dell’audizione del pentito di camorra Carmine Schiavone del 7 ottobre 1997, sull’interramento e lo smaltimento illegale di rifiuti tossici, trema anche il Molise. Il sospetto ricade in alcune vecchi pozzi di idrocarburi perforati a Cercemaggiore, in una concessione della Montedison. La III Commissione consiliare permanente del Molise – nel corso della seduta monotematica tenutasi ieri (14 novembre 2013) nella sede della Giunta regionale di Palazzo Santoro,

Torna la rifiuti connection lucana

Smaltimento illegale di rifiuti speciali: arrestati gestori di alcune discariche lucane. Hanno percepito 4,5 milioni di euro in poco più di un anno – tra il 2010 e il 2011 – dagli Enti locali per smaltire i rifiuti solidi urbani e trasferirli negli impianti della Basilicata, senza però trattarli prima del conferimento. Questa mattina il Giudice per le Indagini Preliminari di Potenza, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, ha richiesto

I rifiuti di Pescantina

In provincia di Verona c’è una montagna di rifiuti speciali destinata a crescere di 1,9 milioni di metri cubi. È il rischio che incombe sull’area nei pressi della stazione, affidata a Daneco. Intanto, l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici richiede chiarimenti sui rapporti tra l’impresa e l’amministrazione comunale. Pescantina, in provincia di Verona, è un paese di poco più di 16mila abitanti. Un territorio piatto. Una pianura sviluppata prevalentemente ad

Un fiume prezioso in Basilicata

In val Basento, area industriale in provincia di Matera, stabilimenti operano ancora sulle aree inquinate. E una società produce biodiesel a ridosso delle acque. Mentre non c’è accordo tra Comune e Provincia. La Val Basento è un’area industriale in provincia di Matera, dichiarata Sito d’interesse nazionale dal ministero dell’Ambiente nel 2003 e ancora in attesa di bonifica. L’intervento necessario per l’area è stimato in oltre 51 milioni di euro: tutto