Showing 3 Result(s)

Trivelle d’Italia, le risultanze di un’inchiesta giornalistica

“Trivelle d’Italia, le risultanze di un’inchiesta giornalistica”. E’ questo il titolo dell’intervento tenuto da Pietro Dommarco nel corso del convegno “Trivelle d’Italia” – che ha preso il nome dal libro uscito a giugno 2012 per Altreconomia – organizzato da WWF, Legambiente e Greenpeace il 9 ottobre 2012 nella sala conferenza del Palazzo Bologna, Senato della Repubblica. Di seguito, la relazione in sintesi. Affrontare ed analizzare dal punto di vista giornalistico il tema delle estrazioni petrolifere, e dell’intera filiera del petrolio, significa andare principalmente alla ricerca di risposte tangibili. Da Sud a Nord e viceversa. Solo fotografando le comunità del nostro …

In libreria “Trivelle d’Italia”

Il Paese dei “buchi”. Come e perché sono nati i piccoli “Texas nostrani”. Un libro-inchiesta che scende in profondità, a indagare le ragioni delle 1.000 e più trivellazioni nel cuore del nostro Paese e nei nostri mari. E spiega perché l’Italia è un paradiso per petrolieri. Le mani dei petrolieri in Italia sono sporche di greggio, ma libere. Libere di perforare la terra e i fondali marini italiani, con royalties minime e con l’avallo di leggi “tolleranti”, spiega l’autore Pietro Dommarco. Nel nostro Paese, infatti, le “percentuali di compensazione ambientale” sono tra le più basse al mondo: per questo oggi …

Paradiso per petrolieri

Intervista alla professoressa Maria Rita D’Orsogna. Costi minimi e normative arretrate a tutela dell’ambiente e della salute. Ecco spiegati oltre mille pozzi per estrarre il greggio nel nostro Paese. “In altri Paesi del mondo ai petrolieri vengono applicate speciali tasse, perché si riconosce che l’attività petrolifera risulta essere altamente lucrativa” spiega il professore associato presso il Dipartimento di Matematica alla California State University di Northridge. La crisi libica apre nuovi scenari internazionali in merito alla sfruttamento e all’importazione del petrolio nordafricano. In primo piano c’è l’azione di Eni e Total, due imprese – italiana la prima, francese la seconda – …